I tipi di aspirapolvere: quale scegliere per la propria casa

Pulire casa può essere un’attività bella per alcuni mentre per altri è un’attività faticosa e perditempo. Grazie alle nuove soluzioni tecnologiche, oggi sul mercato sono presenti aspirapolveri che permettono di pulire velocemente e senza tanto impegno

Oltre ai classici aspirapolvere, spiccano diverse tipologie come l’aspirapolvere senza filo e altri apparecchi progettati per una pulizia più specifica. Sono più comodi, maneggevoli e caratterizzati da un’estrema semplicità d’uso.

Tuttavia, non tutti gli aspirapolveri sono uguali e non sono adatti a qualsiasi tipo di ambiente, per questo motivo qui di seguito ti riportiamo un elenco dettagliato di aspirapolveri e maggiori informazioni sul loro utilizzo.

Aspirapolveri senza filo: come sceglierli

L’aspirapolvere senza filo è caratterizzato da una forte potenza d’aspirazione, funziona grazie ad una batteria ricaricabile e può essere utilizzato ovunque grazie alla sua autonomia.

I vecchi aspirapolveri senza fili non avevano la stessa potenza di un aspirapolvere tradizionale, oggi invece è possibile acquistare un aspirapolvere senza fili potente, con estrema autonomia e più tecnologico. Gli aspirapolvere senza filo di ultima generazione sfruttano una tecnologia ciclonica, come l’aspirapolvere dyson v11, quindi hanno una maggiore potenza di aspirazione e il sistema permette di separare velocemente lo sporco e riemettere l’aria pulita nella stanza, senza polvere, acari o allergeni.

L’autonomia degli aspirapolveri senza fili dipende dalla batteria presente al loro interno, generalmente è possibile pulire per oltre 50 minuti con un aspirapolvere senza filo di recente produzione. Le scope elettriche, invece, possono essere utilizzate per aspirare lo sporco in ambienti di piccole e medie dimensioni.

Per scegliere l’aspirapolvere senza filo più adatto alle tue esigenze devi tenere conto anche del tempo di ricarica della batteria, in quante ore l’aspirapolvere è pronto per poter essere riutilizzato e la quantità di sporco che può raccogliere.

Quante tipologie di aspirapolvere esistono sul mercato?

Come anticipato nel paragrafo precedente, grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie è stato possibile introdurre sul mercato diverse tipologie di aspirapolvere. Ci sono delle marche più conosciute e pubblicizzate, caratterizzate da una tecnologia nuova e funzionale, come Dyson, e altre tipologie con tecnologia avanzata:

  • Robot aspirapolvere: sono i più recenti e totalmente automatizzati. La loro particolarità è incentrata sulla totale autonomia del lavoro, non necessitano dell’intervento umano per poter pulire gli ambienti. Esistono diversi modelli di aspirapolvere robot, alcuni hanno le spazzole laterali che permettono di pulire anche gli angoli delle camere o dei mobili. Tuttavia, il loro costo è molto elevato e non accessibile a tutti.
  • Scopa elettrica: un tipo di aspirapolvere senza filo adatto agli ambienti piccoli, caratterizzato da un design classico ma più maneggevole e pratico. Possono essere riposte facilmente e svolgono la loro funzione di scopa su quasi tutte le tipologie di pavimento.
  • Aspirapolvere senza filo: il sostituto del classico aspirapolvere tradizionale, dotato di una grande batteria che offre molta autonomia e di un contenitore capace di raccogliere una grande quantità di sporco. Gli aspirapolveri senza filo di oggi sono molto leggeri, possono essere utilizzati con una sola mano e sono capaci di raccogliere qualsiasi tipo di sporco. I più recenti utilizzano una speciale tecnologia che permette di separare l’aria dalla polvere e dagli acari ed immettere nuovamente aria pulita nella stanza.
  • Aspirapolveri specifici: un classico esempio è l’aspirabriciole, oppure l’aspirapolvere per l’auto. Sono delle tipologie di aspirapolvere che permettono di pulire solo delle specifiche tipologie di superficie o sporco. Sono comode e molto semplici da utilizzare.
  • Aspirapolvere a traino: caratterizzato dalla forma ovale, questo aspirapolvere può essere trainato ed è molto maneggevole. Tuttavia, la sua praticità d’uso si riduce quando gli ambienti presentano diversi elementi separatori, scale o tanti angoli. Oggi, gli aspirapolvere a traino sono ancora più tecnologici e performanti, ma le problematiche legate alle loro dimensioni continuano ad esserci, per questo motivo sono consigliati per la pulizia dei grandi ambienti, perché sono capaci di raccogliere una grande quantità di rifiuti.