Digitalizzazione aziendale: cos’è e perché è fondamentale adeguarsi al progresso tecnologico

Una delle sfide più importanti che il periodo attuale impone alle imprese è la cosiddetta digitalizzazione. Nonostante la tecnologia sia ormai parte integrante della vita di qualsiasi persona, alcune realtà aziendali ancora non riescono ad inserirla nei propri processi interni in modo continuo e senza particolari difficoltà. Questo potrebbe essere un problema, la tecnologia infatti in molti casi riesce a semplificare il lavoro e a rendere la vita assai più semplice. Le difficoltà in questione sono sicuramente all’ordine del giorno in tutte quelle aziende che diffidano dallo sviluppo tecnologico e che non assumono con frequenza personale giovane e qualificato.

Cos’è la digitalizzazione

La digitalizzazione aziendale è un vero e proprio percorso complesso, non può essere appiattita alla mera conversione dei documenti cartacei su dei supporti tecnologici, come ad esempio un software. Essa infatti impone un radicale cambio di mentalità, di approccio, in definitiva, di organizzazione del lavoro aziendale. La digitalizzazione aziendale implica una completa revisione delle strategie dei processi produttivi dell’attività. Il che significa che il primo passo da porre in essere è quello di effettuare una riorganizzazione dell’organico, ovvero assumere soggetti lavoratori con particolari conoscenze in questo settore. Essi inoltre dovranno essere guidati da una figura che ha una certa competenza nella digitalizzazione, in modo da poter creare una struttura piramidale interna.

Vantaggi della digitalizzazione

I vantaggi che offre la digitalizzazione aziendale sono molteplici, quella più ovvia è l’eliminazione della carta, aspetto apprezzabile non solo da un punto di vista dell’ordine di archiviazione ma anche da un punto di vista ambientale. I file elettronici sono facilmente gestibili e conservabili in apposite banche dati. L’altro vantaggio fondamentale che ruota attorno alla digitalizzazione è l’abbreviazione dei tempi necessari per dover raggiungere un determinato obiettivo. La digitalizzazione infatti accelera tutte le procedure e questo è un fattore importantissimo per ogni attività, chi opera nel mercato sa benissimo che questo comporta un notevole risparmio di denaro.

Gli incentivi per la digitalizzazione delle aziende

Come tutti sanno, avviare un processo di digitalizzazione della propria attività ha dei costi, e molte aziende potrebbero anche non permettersi tale spesa. È questo il motivo che ha spinto il dicastero dello Sviluppo Economico a porre in essere una vera e propria misura economica con un obiettivo chiaro: aiutare le aziende che non hanno la possibilità di finanziare il processo di digitalizzazione. La misura varata si chiama “Voucher per la consulenza in innovazione” ed è basata su un supporto economico per tutte quelle imprese che si rivolgono ad un innovation manager per rinnovare la propria struttura aziendale ed avere una migliore organizzazione della stessa.

Strumenti tecnologici

Ovviamente la digitalizzazione aziendale per poter essere effettuata necessita di particolari strumenti tecnologici. Essi infatti hanno come compito quello di rendere tutti i processi aziendali più rapidi ed efficienti. Per fare tutto ciò non basta un pc professionale o uno smartphone con una particolare applicazione. Occorrono particolari software che permettano di eliminare in modo definitivo tutti gli archivi e i registri cartacei. Insomma, per porre in essere una vera e propria digital transformation occorrono anche dei supporti tecnologici capaci di mandare in pensione fogli, faldoni, cartelle cartacee e tutto ciò che presuppone la carta.