Cloud computing: cos’è e come funziona

Con il passare degli anni lo sviluppo tecnologico incide sempre di più nel mondo delle aziende, oggi solo chi riesce ad approfittare al meglio dei vantaggi che derivano dalla tecnologia riesce a dominare la concorrenza. È risaputo infatti che le aziende cosiddette “digitalizzate” riescono a lavorare decisamente meglio rispetto a quelle che hanno difficoltà ad integrare i processi di produzione con la tecnologia. Uno dei mezzi maggiormente utilizzati dalle imprese per ottimizzare la gestione dei dati e della forza lavoro è il cloud computing, ovvero una particolare tecnologia che permette non solo di liberare le proprie risorse e capacità ma anche e soprattutto di liberare risorse umane ed economiche. Ovviamente per poter usufruire di questi e di altri vantaggi ancora è necessario utilizzare appositi software, come Zimbra ad esempio, ed avere determinate competenze tecniche, se sei interessato scopri come diventare amministratore di Zimbra.

I diversi vantaggi che derivano dal cloud computing

Sono davvero notevoli i vantaggi che derivano dalla digitalizzazione aziendale e dall’utilizzo del cloud computing a livello aziendale, è risaputo infatti che questa tecnologia consente alle aziende e alle organizzazioni in generale di accedere alle strutture “IT” in un modo nuovo e del tutto innovativo. Questo perché è possibile prescindere totalmente dal concetto di “investimento” e di “possesso” in quanto non è necessario considerare i costi relativi all’hardware. Detto in altri termini, il cloud computing determina grandissimi vantaggi in termini di efficienza e di risparmio. È doveroso citare inoltre anche la maggiore flessibilità derivante dal cloud computing, le aziende infatti possono adeguare le risorse hardware in base alle proprie necessità e decidere di diminuirle o di aumentarle a seconda delle eventualità. In molti sono preoccupati per quanto riguarda la gestione dei dati, non è un segreto infatti che molte aziende ancora oggi nel 2021 si affidano ancora a carta e penna piuttosto che a software ben precisi.

 Tale sensazione di insicurezza però è sicuramente infondata, i dati caricati nel cloud infatti vengono protetti con appositi servizi presidiati da costanti backup. Ovviamente è annoverato tra i vantaggi del cloud computing anche (e forse soprattutto) la maggiore mobilità, con tale tecnologia infatti è possibile prendere visione dei documenti e dei dati caricati in qualsiasi momento, anche se si è distanti dal proprio ufficio. Ciò che occorre infatti è un dispositivo connesso ad internet (smartphone, pc, tablet ecc.) e le credenziali d’accesso. Questo inevitabilmente si traduce anche in una maggiore velocità nella consultazione dei dati e nella possibilità di far consultare a più persone (anche contemporaneamente) i medesimi documenti anche se non sono presenti nella stessa stanza.

Perché le aziende dovrebbero scegliere di utilizzare il cloud computing 

Fino a qualche tempo fa era assolutamente impossibile sviluppare software aziendali che non fossero estremamente costose e pesanti, specialmente per la loro manutenzione. Oggigiorno però le cose sono cambiate notevolmente, le aziende infatti sono tenute a pagare solo ed esclusivamente le funzioni che gli servono e gli aggiornamenti della piattaforma sono automatici, ciò significa che non è più necessario incaricare degli esperti per poterli effettuare.