Alimentatori e trasformatori: quali sono le differenze e perchè acquistarli

Necessari in ambito domestico, fondamentali in quello lavorativo: alimentatori e trasformatori diventano elementi tecnologici indispensabili per poter garantire il servizio. Questi due elementi compaiono frequentemente sia nel nostro ambiente di lavoro che a casa eppure non conosciamo quasi nulla di questi apparecchi. Alimentatori e trasformatori si caratterizzano per alcuni parametri come il tempo di trasferimento dall’apparecchio di alimentazione, la potenza e ovviamente la durata.

Alimentatore e trasformatore sono due oggetti differenti che variano sia per le modalità di funzionamento che per lo scopo; in alcuni casi in un alimentatore si può trovare anche un trasformatore ma non il contrario. Se l’alimentatore ha lo scopo di offrire una continuità di erogazione di corrente e ha lo scopo di modulare il flusso di corrente, il trasformatore è un device che ha come scopo quello di trasformare e trasferire la corrente da un circuito ad un altro. Scopriamo insieme nel dettaglio cosa sono alimentatore e trasformatore, a cosa servono e quali tipologie si trovano in vendita.

Alimentatori: cosa sono e a cosa servono

Gli alimentatori sono dispositivi utilizzati sia in ambiente domestico che lavorativo, hanno lo scopo di ricaricare un oggetto come se fosse attaccato ad una tradizionale spina di corrente. Lo scopo è proteggere l’oggetto di elettronica connesso alla corrente, proteggendolo da sbalzi o interruzioni di alimentazione. Grazie a questa tecnologia vengono apprezzati anche in ambienti come la sala operatoria poiché garantiscono la corretta erogazione della corrente evitando incidenti.

L’alimentatore viene scelto quindi per convertire la corrente e continuare ad erogarla anche qualora non fosse disponibile quella tradizionale; attualmente in commercio si parla di alimentatori statici o variabili. Quelli statici producono una corrente in uscita sempre uguale, quelli variabili invece possono modificare la tensione e la corrente in uscita; le tipologie di alimentatori si differenziano per la potenza. Tra le proposte in vendita si trovano anche gli alimentatori switching ideali per PC e dispositivi elettronici moderni diventati estremamente popolari soprattutto in ambito domestico. Vengono apprezzati per il costo ridotto, il peso limitato e sicuramente le dimensioni compatte.

Trasformatori: cosa sono e a cosa servono

I trasformatori sono dei macchinari ideati per riuscire a trasformare la corrente in entrata regolando tensione ed intensità in uscita; sono composti da un circuito di entrata, uno di uscita e un nucleo noto con il nome di “generatore”.

Lo scopo dei trasformatori è quello di riuscire a trasformare la tensione e l’intensità della corrente in comparazione con quella in uscita; i trasformatori servono quindi per riuscire a spostare l’energia elettrica da un circuito ad un altro evitando che ci siano danni agli apparecchi, anomalie o altre problematiche. I trasformatori vengono quindi utilizzati per riuscire a regolare la tensione, mantenendola sotto controllo ed evitando guasti. Avete presente quando nel linguaggio comune diciamo che un apparecchio si è fulminato? Ecco, con un trasformatore non succederebbe. I trasformatori possono essere utilizzati sia in casa che nel settore lavorativo.

Il trasformatore può essere trifase, di corrente, di tensione o di isolamento. Il sistema trifase è quello più comune e distribuito che viene solitamente prediletto per gli impianti elettrici; quello di corrente invece viene utilizzato per ridurre i flussi di corrente elettrica elevata; quello di tensione regola la tensione in uscita ed in entrata; mentre quello di isolamento viene preferito nel settore medico e garantisce livelli di sicurezza molto alti. Per capire come funziona un trasformatore bisogna comprendere alcune leggi della fisica come quella dell’induzione e l’equazione della potenza ideale.

Insomma, trasformatori e alimentatori sono due oggetti differenti che tutti dovremmo avere, sia in casa che in ambito professionale: proteggere i dispositivi da sbalzi elettrici e soprattutto continuare ad erogare il servizio evitando interruzioni è di interesse non solo in ambito medico ma anche in tantissimi altri settori.